Cessione Inter, PIF al tavolo delle trattative: le ultime

Un filo politico per avere l'Inter

36511
PIF Inter

Inter, che intreccio per la vendita del club

La società FC Internazionale Milano è ufficialmente in vendita, e non c’è da stupirsi. Infatti, la famiglia Zhang, aveva incaricato Goldman Sachs, di cercare acquirenti validi che potessero garantire la somma dal Presidente richiesta, 1.2 miliardi di euro. Ora, però, sembra esserci più di qualche problema.

Inter, tra campo e politica

Da tempo si parla del famoso fondo PIF (Public Investment Fund) che vorrebbe acquistare la società nerazzurra, ma il Presidente Zhang ci tiene a questi colori perciò l’asta parte da 1.2 miliardi di euro. Ora sembra che la faccenda sia più grande del solito, ovvero la vendita dell’Inter sarebbe legata ad una situazione politica tra Cina e Arabia Saudita. Il presidente cinese Xi Jinping sta cercando di allargare la rete comunicativa con gli altri paesi, per la situazioni economiche attuali e finanziare. Uno di questi è l’Arabia Saudita. L’incontro che avverrà con Mohammed Bin Salman, sarà di vitale importanza per la ripresa dell’economia cinese. Ricordiamo che in Cina è stato vietato agli imprenditori di investire grandi somme di denaro all’estero, specialmente per club sportivi.

La famiglia Zhang fa parte di questi, ma allo stesso tempo sono molto legati con il Presidente Xi Jinping. Ciò significa che se l’incontro dovesse andar bene la Cina farebbe un sospiro di sollievo avvicinandosi sempre più alleati a se e l’economia potrebbe ripartire senza più vincoli. Come riporta Panorama “Fino ad oggi la questione PIF-Inter è stata rilanciata e poi smentita, ma la parola ‹‹fine›› in un senso o nell’altro, si avrà solo quando Xi Jinping e Mohammed Bin Salman si alzeranno dal tavolo”.PIF attenderebbe quindi questa situazione prima di sferrare il colpo finale.

CONSIGLIATO DA NOI
Articolo precedenteCalciomercato Inter, de Vrij pronto a lasciare i nerazzurri a fine stagione: Marotta studia l’alternativa
Prossimo articoloCalciomercato Inter, Marotta ha un compito: sfoltire la rosa