Inter-Lazio, riattaccare la spina

113
Dzeko Lautaro
Dzeko e Lautaro Martinez ( ph: Fornelli/Keypress )

L’Inter giocherà la sua prima partita del 2022 contro la Lazio, l’unica squadra dalla quale non ha portato nessun punto in classifica nel girone d’andata, e si pone subito alla prima del girone di ritorno.

La Lazio ha già attivato i motori nella partita dell’Epifania contro l’Empoli, con un pareggio rocambolesco per 3-3 ottenuto al 93′ con Milinkovic-Savic; la Lazio di Sarri in questa prima parte di stagione ha accumulato tanti passi falsi che la portano ad essere all’ottavo posto e sempre più distante dai piazzamenti europei.

Ed è proprio nei momenti di difficoltà delle avversarie, dove dobbiamo affondare il coltello, “ammazzarli” sportivamente e psicologicamente, per una piccola vendetta sulla partita d’andata.

L’Inter non potrà contare sull’apporto di Hakan Calhanoglu (squalificato) e Inzaghi è alla ricerca di un sostituto alla sua altezza, punterà su un giocatore qualitativo come Sensi o su dei giocatori di sostanza come Vidal o Gagliardini? Sarà una scelta che Inzaghi prenderà accuratamente nell’economia del reparto del centrocampo avversario.

Un altro dubbio degli 11 iniziali è l’attacco: Dzeko è risultato negativo ed è già tornato ad allenarsi con la squadra e sarà disponibile per il match, ma credo che comunque si affiderà a Correa in coppia con Lautaro, per preservare il bosniaco per la Supercoppa il 12 gennaio.

 

CONSIGLIATO DA NOI
Articolo precedenteBologna Inter un mistero
Prossimo articoloL’Inter torna in testa, contro la Lazio tre punti pesanti