E’ una bellissima Inter

L'Inter c'è, i nerazzurri vincono e convincono

49
Lautaro Martinez
Lautaro Martinez ph: Fornelli/Keypress

L’Inter vince e convince

Una bellissima Inter archivia con i tre punti la pratica Udinese. Le scelte di Inzaghi si rivelano determinati per la conquista dei tre punti e per rimanere agganciati alle due primatiste. La decide Joaquin Correa con due lampi che ipnotizzano Silvestri. In difesa i nerazzurri sono stati compatti nonostante l’assenza dell’imprescindibile Stefan De Vrij, e nonostante tutto hanno sofferto il giusto. A centrocampo la qualità si è vista, grazie alla prestazione sontuosa del 100 polmoni Barella e del rinato Perisic, giocatore ormai insostituibile nello scacchiere Neroazzurro. Tanti cambi di gioco che hanno fatto venire il mal di testa agli uomini di Gotti. Bellissime anche le verticalizzazioni che hanno permesso agli attaccanti di provare a trovare il gol. Gli esterni hanno spinto bene in avanti e coperto sulle ripartenze dell’ Udinese. Finalmente si è visto un buon Dumfries sia in fase offensiva che difensiva, perché come dico spesso questo ragazzo sta pagando i troppi paragoni con Hakimi che sicuramente non aiutano.

In avanti Dzeko gioca un ottimo match nonostante non riesca a trovare la via del goal che ad oggi è una notizia, il 35enne Bosniaco fino ad oggi aveva sempre trovato la via del goal davanti al proprio pubblico e Correa che fino al momento del goal sembrava un corpo estraneo con il resto del gruppo, alla fine risulta decisivo con una doppietta da cineteca. La sblocca con un tiro rasoterra al 60′ dopo una bellissima serpentina personale e otto minuti dopo lascia partire un tiro che si infila all’ lincrocio dei pali, dopo aver ricevuto una palla al bacio dal tanto criticato Dumfries.

L’Inter ottiene anche il secondo clean sheet consecutivo, segno di grande tenuta mentale in difesa. Ad oggi c’è ancora da recriminare per come si è stati raggiunti dai bianconeri di mister Allegri e per la sconfitta immeritata in casa dei biancoazzurri di mister Sarri. Sicuramente Inzaghi può essere soddisfatto della prestazione dei ragazzi e può guardare al match di Champions con più serenità e potrà far conto soprattutto ad una condizione mentale importante. Ora l’Inter è attesa dalla trasferta in Champions contro lo Sheriff, dove sicuramente serviranno punti per proseguire il cammino europeo. In Italia invece, nonostante qualche scivolone, è ancora la favorita. E’ ancora aperta per lo scudetto oppure Milan e Napoli sono già volate?

CONSIGLIATO DA NOI